Chi ha avuto il Covid non pagherà il ticket sul monitoraggio post malattia per tutto il 2020

Coronavirus 08/09/2020  - 51 letture

I cittadini lombardi che hanno avuto il Covid e che devono sottoporsi a esami e visite di accertamento dovute alla malattia continueranno a non pagare il ticket sanitario per tutto il 2020. La Giunta regionale ha, infatti, approvato il rinnovo dell’esenzione con codice D97.

Lo rendono noto il presidente della Regione Lombardia e l’assessore al Welfare.

Agevolazione per tutte le attività di follow up

L’agevolazione comprende tutte le attività di follow up (visite di controllo, accertamento e monitoraggio post malattia, ndr) post Covid quali, in particolare, le visite infettivologiche, pneumologiche, cardiologiche, neurologiche, fisiatriche ed ematologiche con gli esami diagnostici a esse collegate. Sono inclusi anche i colloqui psicologici/clinici. Particolarmente importanti per molte persone colpite da coronavirus.

Beneficio varato in giugno

Il beneficio era stato introdotto il mese di giugno scorso con validità fino al 7 settembre, in previsione di una norma analoga a livello nazionale.

Lombardia estende durata temporale della misura

Non essendo stabilita alcuna agevolazione da parte del Governo la Lombardia ha deciso di estendere temporalmente questa importante misura, ritenendo fondamentale ogni attività di controllo e di indagine diagnostica successiva alla malattia.

Per quota 2021 valutazione in base a quadro epidemiologico

Il provvedimento dell’esenzione dal ticket sanitario per chi ha avuto il Covid ha una copertura finanziaria di 4,4 milioni per il 2020. In sede di bilancio, e a fronte dell’evoluzione del quadro epidemiologico, sarà definita la quota per il 2021.

Fonte: LombardiaNotizie.

Condividi

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies
Web Analytics